La "confessione ironica" come forma di resistenza ai canoni del romanzo: l'esempio di Tanizaki Jun'ichiro