Alcune considerazioni sul primo dei "Third Millennium Colloquia"