C'ero una volta, ovvero il personaggio della fiaba e la riscoperta della soggettività