Interpretare l’altro, interpretare se stessi: alcune considerazioni sulla Cina e gli interpreti