Vento notturno e il pirandellismo di Betti