Più edonista di Pater, più moralista di Ruskin. Richard Ellmann,“Oscar Wilde”.