Spazio nazionale e spazio romanzesco: il caso degli ebrei da "Ivanhoe" a "Daniel Deronda"