Dai "tesori dei re" alla "figura nel tappeto": Ruskin e James sulla lettura