Epigrafia femminile: la trasformazione della virtù