Carlo Levi: la scena del contadino tra presenza e assenza