"L'avvenire è di quei giovani, non di chi li ha oppressi ed imbrogliati". Uno sguardo all'estate del '43 in uno scambio epistolare inedito tra Malaparte e Pasinetti