Alcune riflessioni sull'applicazione della teoria polisistemica allo studio delle saghe islandesi