Ea quae bello ceperint plerumque devovent (caes. De Bello Gallico, VI, 17). Armi celtiche dal Santuario di Lagole di Calalzo e dal Cadore