Salvatore Sciarrino, «La porta della legge»