Da «The Merry Wives of Windsor» al primo «Falstaff»: appunti per un confronto