Verdi e la rivoluzione: «I Vespri siciliani»