Alighiero & Boetti: sulla firma come identità e duplicazione