IL 1910 TRA NEOPRIMITIVISMO E CÉZANNISMO