L’Icona: l’Assoluto Russo tra “quadrati” e “tavole nere”