Il ricettivo non tradizionale, il caso del Veneto