Vaghezza e linguaggio tra filosofia e letteratura