«Son fuor dal mondo»: ammirazione e fuga nel «Tristan und Isolde» tradotto da Boito