Sulla “diversità” in ‘La doppia seduzione’