Dalla rottura degli equilibri al silenzio dei luoghi. Per una geografia dell'apocalisse diffusa