Dalla dattilografia all'emulazione tipografica e oltre. Un'altra rivoluzione?