L'ASSOLUTO COME NULLA E LA RAGIONE COME NEGARE: HEGEL A JENA