Ancora su "letteratura della memoria", vecchie fotografie e Rivoluzione culturale