Ai margini della pittura non ufficiale sovietica degli anni Settanta e Ottanta: Erik Bulatov