Sciarrino, Kafka e la legge