«Danzare in catene»: la giocosa leggerezza di Nietzsche